How To Be a Good Student

🇪🇸 FOR THE SPANISH VERSION CLICK HERE

🇫🇷 FOR THE FRENCH TRANSLATION CLICK HERE

ITALIAN TEXT BELOW

We often talk about the quality of the didactics and the teachers’ competence. We rarely think about the students’ capability of learning.

We should first consider that adult teaching & learning are way different compared to school learning we were used to when we were children. So, why do we want to learn how to tie?

Every one of us has different reasons, but all the students should have a common goal: learn something and obtain results.

Does an efficient way to learn Japanese bondage exist? And if so, what is it?

Obviously, I’m not able to answer this question – or at least I’m not able to give a general answer.

By the way, I thought about my personal way of studying. I recreated the path I made and that – with the appropriate adjustments – I’m still on. I thought again about the didactics I received and the way I absorbed it. I decided to point out some relevant aspects in order to provide food for thoughts.

  1. Studying motivation

When you lose interest in something, you also lose the memory of it.

[Goethe]

Motivation is the basis of learning. It isn’t simply “why do I want to tie?”. It’s so much more. It’s why do I want to learn to tie? What pushes me to? Where do I want to arrive? Am I ready to invest some time in it?

How many people start doing something and then quit? The typical example is how stop smoking or how to start a diet: there is nothing more difficult than being able to continue what someone starts. This is mainly due to the loss of motivation. This is why motivation needs to be continuously fed: it is better to set some small realistic and achievable objectives. A series of “micro” objectives turn into one macro objective!

2. Learning model

Another fundamental step for the students is to recognize their personal learning model. Bondage is a handcraft practice. Learning mainly passes through observation and reproduction. One model that I really feel belongs to my person is by Albert Bandura: learning passes through four phases.

  • Observation
  • Memorization
  • Reproduction
  • Assimilation.

After having attended a workshop where I learnt something, do I really know how to do what I learnt? The answer is: NO! Learning ends with the assimilation of concepts, skills and whatever regards the practice we are studying!

3. The importance of the basics

It is not possible to raise a building on the sand. It needs robust foundations. And the higher the building will be, the more foundations must be solid!

Before starting to be into complex bondage, before suspending, solid basics must be assimilated. After all, it’s just bondage: it’s not rocket science. Basic concepts are really a few and they are the first step in order to continue studying and go further.

4. Good practice is better than just practice

Practice is needed to assimilate concepts. Anyway, practice can be a double-edged sword: practising errors will make you assimilate the errors! How to avoid it? Discussions and comparisons with other practices often help but personally what helped me more was keeping asking myself over and over about why things were done in a certain way. In other words, critical sense. I often hear people complaining that they can’t practise because they don’t have a partner. Honestly, it’s possible to do a lot of exercises to widely improve the handling and to take more confidence with basics! When I started studying, Shiawase and I lived in two different cities and we were just able to tie once per week, during the weekend. Usually, I was able to find time to train myself and to do self-practice two or three times per week, typically while watching a tv series.

5. Difficulties and Dunning-Kruger effect.

The Dunning–Kruger effect is a cognitive bias in which people of low ability have illusory superiority and mistakenly assess their cognitive ability as greater than it is. The cognitive bias of illusory superiority comes from the inability of low-ability people to recognize their lack of ability. Without the self-awareness of metacognition, low-ability people cannot objectively evaluate their competence or incompetence

682395898

It’s possible that the more we practice, the more we perceive that things are impossible for us. It’s probable that some difficulties appear like insuperable. Difficulties must be taken as opportunities for growth and not like obstacles. From every single difficulty, something can be learnt!

6. A balance between classes and practice

Available education is very wide and extended. In the last year, I’ve seen several people taking lessons and following classes or dedicated evening even with a weekly occurrence. Most of the times, without significative improvements. As explained at the point no. 2, I strongly believe that the assimilation phase is fundamental: following assumptions are made on my personal experience.

I started to tie in October 2016. In two years and a half, I attended to eight workshops. Making a (not so) rough estimation of the hours spent between received didactics and practice, I found a ration of 1 : 10. It means that for every hour of didactic received, I tied 10 hours.

If I take into account just 2018, the ration moves to 1 : 15. Actually, I tie a lot more since I started to teach.

My tip is: try to find your own good ratio, but consider that you’ll never improve by only taking classes.

7. Reality check

It doesn’t matter if it’s a bondage session or just exercises, keeping contact with reality is really important. In the point no. 2 we discussed about critical sense. In my case (especially in the beginning) it was difficult to realise in real time if my bondage was good or not. I started to record my sessions and to take a look at them with a cold mind. Having the possibility to rewind and to look at them more than one time, it helped me understand what worked and what didn’t, what I had to change and what I particularly liked to do.

8. Benchmarks

To me, they complete the reality check. It’s difficult to “measure” progresses in bondage. It’s a human activity in which it’s difficult to get objective parameters. The most complex and elaborated tying could not reach the value of a session with a single rope. By the way, I think that knowing how I’m using my time is paramount, if there are any improvements and if not, this will help me at least to understand that I need to change something.

Using benchmarks I can “measure” my progress. My favourite one is time: the time that I take to do a double column tie, a futomomo, a TK. The time I take to close four suspensions line in a row. Looking at this time decreasing or being stable helped me to understand a lot about what I changed.

Two notes about time: when I speak about doing a “fast TK” I refer to a well done TK, more than acceptable and in any case that can be useful for a suspension. Thus, I’m not saying that a rigger must learn how to tie fast just because of tying fast: this is why I like to say “efficiency” instead of speed. If I am able to tie a TK in less than 3′, when I’m doing my real session I can do a TK in 5′ if I want to, but I’ll be in control and I’ll be able to enjoy the moment way more!

9. Workshop or private tuitions?

I started to study with a private tuition, with Giuseppe Ambrosia in 2016. I needed it because I wanted to attend a course by Riccardo Wildties in Turin, in late 2016. Giuseppe gave me very good basics and he made me able to attend an intermediate class. The second private lesson I took was again with Giuseppe, half a day in 2018, when I wanted to enforce some basics before doing the exam for the certification for Kinbaku LuXuria’s instructors.

Generally speaking, I think that the one-to-one lesson is the most effective way to learn. Anyway, it is also the most expensive: usually, a private lesson costs way more than a workshop. To people asking me if doing the one or the other, I like to suggest that a workshop with good educators could be a good starting point. Learn the basics, don’t focus on a style or another and then maybe after having chosen the way that suits you more, learn through workshops and go for privates for refining.

Up to now, the lessons with Giuseppe are the only private lessons I took. Next one is scheduled in March 2019, an intensive weekend with Riccardo Wildties and Red Sabbath.

10. Comparison and study group

In Summer 2017 – motivated by the desire to get better – we proposed the “Research Group“. More or less, we met monthly together with three other couples and we tied once at the time, after having decided a topic for the group. We learnt a lot from those meetings. Group dynamics helped us cutting corners and sharing ideas and different visions on the same concepts. We focused on doubts and we did ourselves a lot of questions.

Coming back to Bandura’s model, we are really influenced by the environment and of course by the people around us. This model is known as “Theory of Social Learning“.

personality-theories-and-testing-67-638

To be efficient, people in the study group should have similar levels and of course basics must be really robust. The will of going deeper is also needed: a study group is not a rope-jam!

11. Never stop studying!

Never, never stop. Especially when we get a good level. Practice must be done, things – like every discipline – tend to become out of date so we need to stay updated. Bondage must be continuously lived. it’s not like going on a bicycle: it’s very easy (and also dangerous!) to regress.

12. No one learns through caressing

I know that what I’m going to write is unpopular and politically incorrect. Even not thinking of bondage, how many people who excel in their work or discipline – I said excel, not being good, but excelling – do you know who had a “soft” education, without tough moments, crisis and failures?

Personally, I don’t know one. On my experience, on myself and on the people who surround me in my daily job, on the people I met doing sports and in different spheres of social life, usually who is really really good in something worked hard. They sweated through hard times. And they almost always were lucky: there was someone who pushed them, who criticized them, who made them grit their teeth.

As an engineer, as a sportsman, as a rigger, I’m grateful to all those people who pushed me and pressured me when my results were good but not the best. I say thanks to all the people who instead of telling me “good job” showed the defects and weak spots, in order to make me able to turn them in my strong points!

13. Self assessment as student.

Always ask yourself if you are studying in the right way. The most of the time people go to workshops classes or tuitions because of a certain inertia. Am I getting better? What did I learn after the last class? Did I really find it useful? After one year of studying, where I am and where I should be? Did my speed of learning change in some way?

This is my final and most felt consideration: if you want to become good, don’t ask to pros how they became good. Search for people who started almost from zero and in one year or less are doing a very great bondage and ask them how they trained or who were their teachers. It will help you a lot to find the most suitable way of studying for yourself.



Si parla spesso della qualità della didattica e della preparazione dei docenti mentre quasi mai si dà enfasi sulla capacità di imparare di uno studente.

Innanzitutto occorrere considerare che l‘adult teaching e l’adult learning sono ambiti profondamente diversi rispetto allo school learning a cui siamo abituati fin da bambini. Quindi, perchè imparare a legare?

Ognuno ha motivazioni differenti, ma tutti gli studenti dovrebbero avere un obbiettivo comune: imparare qualcosa e ottenere dei risultati.

Esiste quindi un modo più efficiente per studiare il bondage giapponese? E se esiste, qual’è?

Ovviamente non sono in grado di rispondere a questa domanda, o quanto meno non sono in grado di dare una risposta generalizzabile che sia valida per tutti.

Ho però ripensato al mio personale modo di studiare. Ho ricostruito un po’ il percorso che ho fatto e che con gli opportuni aggiustamenti sto continuando a percorrere. Ho ripensato alla didattica a cui ho attinto e al modo in cui l’ho assimilata. Ho deciso quindi di riportare i punti salienti, in modo da fornire uno spunto di riflessione.

1. Motivazione allo studio

Dove vien meno l’interesse, vien meno la memoria.

[Goethe]

La motivazione è la base di ogni apprendimento. Non è semplicemente il “perché voglio legare?” E’ molto di più. Perché voglio imparare a legare? Cosa mi spinge? Dove voglio arrivare? Sono pronto a investire del tempo?

Quanti di noi hanno cominciato a fare qualcosa e poi smesso? L’esempio tipico è chi smette di fumare o chi inizia una dieta: non c’è niente di più difficile del riuscire a continuare quanto iniziato. Questo perché la motivazione è facile da perdere e va costantemente alimentata: occorre darsi degli obiettivi raggiungibili e realistici, meglio se tanti e piccoli. Più micro obiettivi ne costituiscono uno macro!

2. Modello di apprendimento

Riconoscere il proprio modello di apprendimento è un altro passo fondamentale. Il bondage è una pratica manuale dove principalmente si impara tramite osservazione e riproduzione. Un modello in cui mi riconosco come studente è il modello di Albert Bandura e passa attraverso quattro fasi:

  • Osservazione
  • Memorizzazione
  • Riproduzione
  • Assimilazione (tramite riproduzioni successive)

Dopo aver sostenuto un workshop da cui ho imparato qualcosa, so fare quel qualcosa? La risposta è NO: l’apprendimento si conclude con l’assimilazione di quanto imparato.

3. L’importanza dei fondamentali

Non si può costruire sulla sabbia. Occorrono solide fondamenta. E più sarà alta la mia casa, più le fondazioni devono essere solide e robuste!

Prima di lanciarsi in un bondage complicato, prima di sospendere, occorre che le basi siano solide e ben assimilate. Dopotutto, è solo bondage e non scienza missilistica: ci sono veramente pochi concetti di base e il farli propri costituisce il primo punto per continuare a studiare ed andare avanti.

4. La buona pratica è meglio della pratica

Per assimilare occorre fare pratica. Questa però può essere una lama a doppio taglio: se si praticano gli errori, si assimilano gli errori! Come evitarlo? Il confronto con altri praticanti spesso aiuta, ma personalmente quello che mi ha aiutato di più è stato il chiedermi continuamente il perché una determinata cosa venga fatta in un certo modo. In altre parole, con una abbondante dose di senso critico. Spesso molti lamentano di non poter fare pratica perché magari non hanno una bunny fissa. E’ possibile fare una marea di esercizi (sia su se stessi che con strumenti comuni) per migliorare notevolmente il proprio handling prendere via via maggiore confidenza con i fondamentali! Quando ho iniziato a studiare per un anno io e Shiawase abbiamo abitato in due città diverse, ci vedevamo solo nel week end e quindi la legavo mediamente una volta a settimana. Di norma, per due o tre volte a settimana, trovavo il tempo di fare esercizio da solo, magari guardando una puntata di una serie TV.

5. Le difficoltà e Dunning-Kruger

L’effetto Dunning-Kruger è una distorsione cognitiva a causa della quale individui poco esperti in un campo tendono a sopravvalutare le proprie abilità autovalutandosi, a torto, esperti in quel campo. Come corollario di questa teoria, spesso gli incompetenti si dimostrano estremamente supponenti.

682395898

E’ possibile che più si pratichi più ci sembri che non si riescano a fare le cose. E’ frequente che si identifichino delle difficoltà come insormontabili. Occorre prendere le difficoltà come opportunità di crescita e non come un’ostacolo. Da ogni singola difficoltà si può imparare qualcosa.

6. Bilanciamento tra corsi, lezioni e pratica.

L’offerta didattica è molto ampia ed estesa. Nell’ultimo anno ho visto molte persone prendere lezioni e seguire corsi o serate dedicate con una cadenza anche settimanale. Quasi sempre, senza sostanziali miglioramenti. Come detto al punto 2, credo che la fase di assimilazione sia indispensabile: sempre sulla mia personale esperienza, ho tratto le seguenti considerazioni.

Ho iniziato a legare verso la fine del 2016, in quasi due anni e mezzo ho seguito otto workshop. Facendo una stima delle ore tra didattica ricevuta e pratica, trovo un rapporto di 1 : 10. Per ogni ora di didattica ricevuta, ho legato per dieci ore. Se vedo invece come è variato nel tempo, e considero solo il 2018, il rapporto si sposta addirittura verso 1 : 15. Lego infatti molto di più da quando abbiamo iniziato a insegnare.

Il mio consiglio è quindi di trovare la giusta proporzione, considerando che non è possibile ottenere miglioramenti soltanto seguendo delle lezioni.

7. Reality check

Che sia una sessione o che leghiate per fare esercizio, avere un contatto con la realtà è molto importante. Nel punto 2 abbiamo parlato di senso critico, nel mio caso (specialmente all’inizio) mi veniva difficile rendermi conto in tempo reale di quanto il mio bondage fosse un buon bondage o meno. Ho iniziato a filmare le sessioni e a rivederle a freddo. Potendo rivedere anche più volte lo stesso momento, mi ha aiutato a capire cosa magari non avrei rifatto, cosa avrei rifatto in modo diverso e cosa invece mi è particolarmente piacuto fare.

8. Benchmark

Per me, completano il reality check. Nel bondage è difficile “misurare” i progressi. E’ una attività umana, in cui è difficile avere dei parametri oggettivi: la legatura più complessa ed elaborata potrebbe non valere, a livello comunicativo, una sessione di ichinawa. Ritengo che sia importante sapere come sto impegnando il mio tempo, se ci sono dei miglioramenti e nel caso di che entità e, nel caso non ce ne fossero, questo mi consentirebbe quanto meno di cambiare qualcosa.

Tramite dei benchmark posso “misurare” i miei progressi. Il mio benchmark preferito è il tempo: il tempo che impiego a fare un double column tie, un futomomo, un TK; il tempo che impiego a chiudere quattro linee di sospensione di fila. Vedere questo tempo diminuire o stabilizzarsi mi ha aiutato molto a capire cosa cambiare.

Due precisazioni: quando parlo di “fare un TK veloce” è sottointeso che mi riferisco a un TK ben eseguito, più che accettabile e in ogni caso utilizzabile per una sospensione. Inoltre, non sto dicendo che occorra imparare a essere veloci per legare velocemente: preferisco parlare di efficienza. Se sono in grado di eseguire, per esercizio, un TK in meno di 3′, quando legherò in sessione posso anche farlo in 5′ ma mi godrò molto di più il momento e l’interazione con l’altra persona.

9. Workshop o lezioni private?

Ho iniziato a studiare con una lezione privata, con Giuseppe Ambrosia nel 2016. Mi serviva perché volevo frequentare un corso di Riccardo a Torino, da lì a pochi mesi. Giuseppe mi ha dato delle ottime basi e mi ha messo in condizione di sostenere un corso intermedio. La seconda lezione privata che ho preso – sempre con Giuseppe – è stata una mezza giornata nel 2018 per rinforzare alcune basi, in vista dell’esame per la certificazione di Kinbaku LuXuria.

In generale, trovo che la lezione uno-a-uno sia il miglior modo per imparare. Tuttavia non è da trascurare il costo, spesso notevolmente superiore rispetto a un corso o a un workshop. A chi mi chiede se fare l’una o l’altra cosa, consiglierei di frequentare prima dei corsi (a prescindere dallo stile) per imparare delle solide basi. La scelta dello stile viene dopo e, una volta trovata la propria strada con un buon educatore consiglierei di imparare attraverso i workshop e di raffinare e migliorare quanto imparato con delle lezioni private.

Ad oggi, le lezioni con Beppe sono state le uniche private che ho preso. La prossima in programma è a marzo 2019, un week end intensivo con Riccardo Wildties e Red Sabbath.

10. Confronto e studio di gruppo

Nell’estate del 2017, mossi proprio dal desiderio di migliorarci, abbiamo ideato il “Research Group”. Più o meno mensilmente, ci incontravamo un pomeriggio insieme ad altre tre coppie e legavamo a turno, dopo esserci dato un tema comune. Sono state occasioni in cui abbiamo imparato moltissimo. Le dinamiche di gruppo consentono di smussare gli angoli e di scambiare idee e concetti. Ci si può confrontare su dubbi o mettere in dubbio certezze.

Ritornando al modello di Bandura, siamo infatti molto influenzati dall’ambiente circostante e dalle persone vicine a noi. Tale modello è infatti noto anche come “teoria del social learning”.

personality-theories-and-testing-67-638

Perché lo studio in gruppo sia efficiente, occorre che il livello sia più o meno equo, che le basi siano bene assodate e che ci sia appunto la volontà di approndire: un gruppo di studio non è una rope-jam.

11. Mai smettere di studiare

Non bisogna smettere, mai. Raggiunto un certo livello specialmente. Occorre continuare a praticare, occorre continuare a tenersi aggiornati e a vivere costantemente il bondage. Non è propriamente come andare in bicicletta: regredire (con tutti i pericoli che possono conseguirne per la persona legata) è molto più facile di quanto si pensi.

12. Nessuno impara solo con le carezze

So che quanto segue è impopolare e non è politically correct. Se ci pensate, anche al di là del bondage, quanta gente conoscete che eccelle – non se la cava, ma eccelle – in una disciplina che non abbia ricevuto una educazione rigorosa passando attraverso momenti duri, fallimenti, disagi?

Personalmente, non conosco nessuno. E sulla mia esperienza, su me stesso e sulle persone che mi circondano a lavoro, che ho conosciuto nello sport e nei vari ambiti della vita sociale, di solito chi diventa veramente bravo nel fare qualcosa ha sudato, faticato, sgobbato. E ha avuto quasi sempre una grande fortuna: c’era qualcuno a spingerlo, a criticarlo, a fare in modo che si rinforzasse e stringesse i denti.

Da ingegnere, da sportivo, da rigger, ringrazio tutte quelle persone che hanno spinto e fatto pressione su di me quando i miei risultati erano buoni ma non il massimo, ringrazio quelli che anziché dirmi “bravo bel lavoro” mi hanno fatto notare difetti e punti deboli, perché io li trasformassi in punti di forza.

3 thoughts on “How To Be a Good Student

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s